Il Simbolo

ITA | ENG


f39f02_1834730490f1416c8566ebe690ccad70Ok, chiaro Poesie, pensieri etc. ma quale significato ha il Simbolo de “Infinita è la Vita” ?

In realtà ho voluto rappresentare il complesso del Tutto in un Semplice simbolo; raggruppare ogni cosa come, Realtà e Spiritualità, Scienza e Religione, Materia e Pensiero, Energia ed Essere.

Il Simbolo vuole descrivere l’importanza della Vita grazie ad un ciclo che racchiude quindi un Equilibrio tra le parti, considerate da me “Infinite”, Infinite quanto può essere la Forza che spinge un Elettrone a compiere un movimento Perpetuo attorno al suo Nucleo.

Il tutto è derivato da un percorso che iniziai all’età di diciassette anni (gli anni bui della mia Adolescenza). Sembra strano ma con il primo Amore la mia Mente cominciò automaticamente a Mutare con la Natura circostante. Sappiamo tutti che gli anni dell’Adolescenza sono sempre quelli più impegnativi; tra delusioni d’Amore, d’Amicizia etc., io invece quando ero giù di morale, mi rifugiavo nello scrivere piccole note nel telefonino; ogni cosa che mi veniva in Mente, una frase, un piccolo testo etc…

Non mi sono mai considerato come gli altri ma riuscivo a vincere la depressione scrivendo; poi anche grazie al mio primo Amore cominciai a trasformare la mia Mente ,  vedendo chiaro ciò che la Natura poteva offrire, iniziai a capire quanto importante fosse la Vita e l’Amore, scoprendo che anche la stessa Natura agiva secondo questo stato “Sentimentale”, quindi verosimilmente a noi.

Finché iniziai a scrivere frasi Poetiche e non, sulla mia Vita e sui miei Amici al punto di realizzare poi la mia prima Poesia Universale (la chiamo “Universale” perché è il percorso “Mentale” di tutta la mia Vita).

Ogni persona ha un percorso da intraprendere nella Vita partendo dalla Nascita fino alla Morte; la Mente e il Tempo vanno sempre avanti, Crescono e Mutano ed io la Mutai a diciassette anni cominciando con il Buio che racchiudeva le parti più insicure di me stesso comprese le Paure e il Dolore.
La mia prima Poesia la chiamai “Infinity” e la raccontai come fosse una Fiaba iniziando con una caduta Mentale e ritrovandomi poi a percorrere una Buia Via che sembrava non aver mai fine (gli anni dell’Adolescenza); poi col Tempo ne scrissi altre sempre collegate alla mia Vita (ognuna era associata ad un cambiamento personale).
Ho seguito un pochino il percorso che ha fatto Dante, ero sempre esterno alle scene perché era come se io fossi ancora vivo e  Dio volesse che imparassi il significato del suo Creato sino ad arrivare a Lui.

Ora elenco i titoli delle mie Poesie personali Universali:

  • Infinity (Adolescenza);
  • After the Paradise (quando finii quella Buia Via e cominciai a vedere un po’ di Luce);
  • The Real Life (tornato nel Mondo in cui vivevo, capii il significato della  Vera Vita, quindi della Realtà che mi circondava);
  • Toward to Infinite Future (“Verso l’Infinito Futuro”, descritto come il cambiamento nel diventare adulto);
  • Beyond Infinity (questa è particolare; pensavo che con “Toward to Infinite Future” fosse finito il mio percorso, però la mia Mente continuò e volle insegnarmi cosa c’era “Oltre l’Infinito”).
  • INFINITA E’ LA VITA: Il mio ultimo lavoro. Vidi “Oltre l’Infinito” ma non finì li, la mia Mortal Anima voleva farmi vedere di più, come se Dio mi avesse richiamato per dirmi la verità su ogni cosa che esisteva, ed ebbi il privilegio di veder il suo volto (Sognato una notte) e Lui mi insegnò come ebbe realizzato il suo Creato e l’importanza del Vivere e dell’Amore come Energia.

Dopo questi percorsi iniziai a capire finché creai nella mia Mente un Pensiero, un Ideale di Vita. Volevo porre in un Simbolo tutto ciò che comprendeva la Vita stessa, come le varie Teorie del tutto solo che io volevo rappresentare un Simbolo che spiegasse il percorso che feci (metaforicamente tramite le mie Poesie Universali) per poi sfociare nell’ insegnare all’Essere Umano quello che vidi e di far vedere l’importanza sia del Vivere, sia dell’Amore.

Questa in sostanza è il mio “lavoro”, cioè di dare Speranza all’Essere Umano, a far comprendere che la Vita è bella e va vissuta Creando appunto sempre Speranza, e che le Paure e il Dolore non sono niente in confronto a ciò che può dare l’Amore.

Quindi perché il mio simbolo è stato disegnato in questo modo?
Ora ve lo spiego fase per fase e spero che vi possa piacere.

Io stavo cercando uno stemma per rappresentare ciò di cui vi ho parlato sopra, ma non ero riuscito a comprendere il tutto su un unico simbolo, finché un giorno mentre stavo tagliando l’erba di casa, accidentalmente formai una scia, con le ruote della macchina, sul prato. Questa scia tracciò  delle linee e delle curve che assomigliavano alla (Figura 1).

f39f02_490ad48e71a144dc9de334f74dab76e5(Figura 1)

Da qui la mia Mente cominciò capire come formulare i primi passi.
Successivamente concentrandomi altrove, mi ricordai dell’ Ankh Egizio che raffigurava la classica croce ma con, nella parte superiore, un “semi-Infinito”, quindi decisi di ricercarne il significato… Eccezionale, uno dei significati di cui ne si poté evincere fu proprio la Vita, ergo ne presi subito spunto (Figura 2).
f39f02_1c0cd9c9e3f749e5b4964dfb148ca11f
(Figura 2)

Più avanti, iniziai ad allungare il “Grembo Materno” (“semi-infinito”) fino a che non raggiunsi il fine di indirizzare il vecchio Ankh in un nuovo Simbolo quale rappresentava il continuare all’Infinito la Vita.

Poi nelle estremità della croce aggiunsi due vettori a forma di tornado con un proprio verso e attorno dei segni di carica che ruotassero dal “+” al “-“.

nfine disegnai un elisse attorno al “nuovo Ankh” con segnato uno Zero.

Ora vi mostro i vari passaggi dando per ognun passaggio il suo significato specifico.

Suddivido Il Simbolo in sei Elementi:

  1. L’Ankh Originale;
  2. Allungamento del “Grembo Materno” (“semi-Infinito”);
  3. L’Ulivo;
  4. L’elisse con segnato uno Zero;
  5. I vettori con Verso (tornado);
  6. Le Cariche di segno opposto.

1. L’Ankh Originale

Come ho vi ho già descritto prima ecco l’Ankh nel Simbolo finale (Figura 3).

3(Figura 3)

2. Allungamento del “Grembo Materno” ( “semi-Infinito”)

Ecco l’Allungamento che vi ho già descritto il significato (Figura 4).

4(Figura 4)

3. L’Ulivo

Ho scelto l’Ulivo come ulteriore simbolo di Vita, in sostanza significa ogni Essere compresi Noi (dalle radici, all’Albero) (Figura 5).

5(Figura 5)

4. Elisse con segnato uno Zero

Rappresenta il Divino, colui che raccoglie il Creato e ne Crea. Lo Zero si riferisce a tutta l’elisse ed è Dio (la somma tra il Bene e il Male, l’Equilibrio) (Figura 6).

6(Figura 6)

5. I Vettori con Verso (Tornado)

Rappresentano Il Bene (Carica Positiva “+”) e il Male (Carica Negativa “-“), le quali partono dalle estremità dell’Ankh.Significa il nostro incline sia a fare del Bene che del Male, le forze Infinite (Figura 7).

7(Figura 7)

6. Le Cariche di segno opposto

Come già detto rappresentano il Bene e il Male, ma in movimento andando dal Male al Bene o viceversa come un ciclo Infinito; significa quindi che ogni Uomo può essere indotto al cambiamento viaggiando in un senso o in un altro (Figura 8).

8(Figura 8)

In finale questo è il significato del mio Simbolo e induce a Pensare (almeno spero) che la Vita è meravigliosa, Elegante e che produce sempre Equilibrio stabile tra le Forze Infinite di Dio.

Viva la Vita, per me sempre bella e mai finita.


Ricorda di Vivere,
La Vita è Bella.
© infinitalavita.com • Cristian Cestaro