33• La Seren Anima

Mercoledì 1 Aprile 2015


O’ Venere che passi,
sfiorando ‘l mio pers’ Animo,
ove giunge Luce negli ammassi,
di Stelle Stellate Ardi sempre l’Attimo.

T’osservo conserto,
nea tua lasciata scia Velata,
del Tempo ormai “inerto”,
svengo de la Bellezza che dovea rimaner celata.

Poi son perso,
come Vuoto tra ‘l punto e ‘l novo Verso,
e cerco sua immagine nel mio Universo,
dove l’Amor infin v’è immerso.

E li in quea Immensità,
dolci Pensieri tolgon ogni velo,
già t’Amo azzardo di verità,
sei caduta come la “Mela dal Cielo”.

Or qui mi sveglio, la rivedo,
e ‘l Suon de la bocca mia ne fa il Credo:

“Lei è Angelo per i miei occhi,
che incendia l’Animo con ardore,
come Soave Luce riflessa dagli specchi,
rivelando: Sei ‘l Puro Amore.

E passi per quea Via,
non curando de li Uman sguardi,
poiché sei Pura Energia,
quale arde Lussuria,
facendo delle Umane Menti già tardi.

Convengo infine,
sei la Gentil Rosea Donzella,
che salvi l’altr’Anime dalla pena,
sol col ‘l guardo de la tua Seren e Bella,
spingendo ‘l mal a morir da la tua Forza non Terrena.”

Ebbene si, lo confermo, già t’Amo piena,
e si move nel IO la Forza che non si frena,

finché de la tua Anima Serena,
sarà immerso ogni mio Pensier che va,
dove la Speranza fluisce nea tua vena,
e da ogni mio Sospirò ne riecheggia:
 
“Sei l’ Immensità.”


Ricorda di Vivere,
La Vita è Bella.
© infinitalavita.com • Cristian Cestaro

32• Quando si chiudon gli occhi

Domenica 8 Marzo 2015


Là ove giunge Luce,
dove Materia Vibra e “Mota”,
Io siedo e Comprendo ciò mi riconduce,
a quel sonno perso prima della Real rota.

D’impegno delineo il Sogno,
riducendo m’Animo al piccol bisogno,

poiché il Pensier è mosso,
sol quando attorno nulla Suona,
come te seduto in un di gran dosso,
e Natura silenzia la Mente che dal caos tuona.

Poi vago in cerca di méta,
che spiegherà la Natura,
Semplice come ‘l veder d’una Cometa,
viaggiar Luminosa nell’astra radura.

Ma il mio bulbo, leale,
concentrando soglia nella Realtà,
darà del Sogno fatto meno Sostanza del banale,
anche insistendo con buona volontà.

Eppur non aver mai timore,
seppur il Sogno pian pian spariva,
esso riposa nea Mente, calmo senza rumore,
come ‘l pisolar d’Acqua in quea “Terrea” riva.

Poi nel Giudizio un’altra notte arriva,
con la debole Luce minore,
quale rende Uman la Viva,
Speranza del Sognar l’Amore.

E dunque,

ugualmente posando vista nello scopio,
cosi si quidon l’occhi annegando ‘l Pensier perso,
e infin Creando scena quale copio,

s’oscurò ‘l foco succedendo l’Universo.


Ricorda di Vivere,
La Vita è Bella.
© infinitalavita.com • Cristian Cestaro

31• Pensiero Infinito

Giovedì 12 Febbraio 2015


IO che cosi sono,

calmo come l’Acque,
che non distinguon,
ne l’Onda ne ‘l Tono.

Nea mia Culla,
ove produce Pensieri,
non traspare nulla,
se non quea Frequenza de l’Amor che m’avvolse nel Tempo di ieri.

Ma giunge in me sempre un singol Pensiero,
che sovrasta tutto ‘l Creato,
dando Potenza d’ogni singol Uman Vero,
spingendolo a Crear lo Sperato.

Poi niente sempre e sol Silenzio,
che m’Anima lo accoglie intero,
e percepisco un fil d’onda ch’ora sentenzio:

“IO son l’Infinito Pensiero,
che ti accoglie come amante Ama l’Amato,
e dalla Culla Cullo ogni Uman Divin Sentiero,
fin a giunger Suono nel tuo Real parlato.

Dunque non temer paura,
ch’IO mostrerò sempre la strada,
tengo la miglior armatura,
e dello terrore io affronterò la spada.

IO sono il Pensiero ripeto,
e Muto come Vita Muta,
con sempre diverso ceto,
ogni secondo in ogni azion minuta.”

Infin sii Eterno,
Impara e Trasforma la Mente,
non temer mai lo brivido d’Inverno,
ma Crea sempre Vita,
e Perdona la “Mortale” gente.


Ricorda di Vivere,
La Vita è Bella.
© infinitalavita.com • Cristian Cestaro

30• Luna

Mercoledì 21 Gennaio 2015


‘O Luna mia,

che con i tuoi Mar e Monti,
l’Acque nostre, porti via.

Sei parte di nostra Gaia,
parte del nostro Essere,
e dal Sol di Luce specchia appaia,
porti in noi Ululi di Seren Anime perse lettere.

Come Lupo che t’accoglie,
nee Notti dove sei piena,
porgendo lor, tua faccia con riflessa Luce spoglie,
dando Speranza e Felicità Serena.

Mio corpo ora vien Trasformato,
di peli Licantropo crescon fin d’esser pien formato,
e tutto questo per poter esser parte del tuo operato,
donando un mio saluto col Divin Ululato:

“Cara Luna mia,
senti il mio Cor che parla d’Amor per te,
e per tutte le pers’ Anime che son andate di qui via.

Il mio dolce saluto sfior ora tua minor Luce,
che come rugiada scende nee Notti più buie,
riflettendo Felicità e dolor riduce,
Irradiando su ogni Divin Uman, Animal e Tuie.

Quindi,
Sento poi la tua Energia,
suo mio corpo ch’ora così Mutato,
di intesa Luce che brucia ogne buia Via,
facendo Vibrar tua Speranza e Amor Amato.

Infin, io a terra ginocchiato,
rivolgo il mio muso nea tua Luce,
e col dolce canto del mio Ululato,
ringazio le gesta che da lassù la tua Attrazion Seduce.”


Ricorda di Vivere,
La Vita è Bella.
© infinitalavita.com • Cristian Cestaro