DSA – Digital Sky Assist v1.0

English Version.    ITA | ENG


If you, like me, an astrophotographer, you would have always wondered: “How do I know how much field framing the CCD or CMOS camera according to the focal telescope? .

Well on the Internet there are several very complex calculations to have the answer to the question above.

You will ask now, “What site?” “How do you do it?”

In fact, it is very simple and with this blog I will briefly explain the operation.

DSA - Digital Sky Assist v1.0The site in question is “DSA – Digital Sky Assist v1.0” and, as a title, will “assist you” to look for a deep sky object and will calculate for you the framed field (as the object will appear on the camera).

But we see step by step how to use this spectacular “raw material for astrophils”.

As a title of the example I will use this data:

  • Object searched: Messier 51, the whirlpool galaxy.
  • Telescope: Skywatcher 250/1200 (the data we need is 1200 mm or focal length);
  • Camera: QHY163M mono (CMOS camera) – Sensor size 17.7mm x 13.4mm (which will serve us).

Here are the steps to take:

1 . Connect to http://astro.xchris.net/dsa/, will come out of a screen like the image above (Image) where on the right will be written the rules for how to use the site and to the left the fields to fill in, where you will have to stop now. First, enter the name of the object in the “Search” field (in our case m51, then leave the rest as default), In fact the beauty of this site that, in addition to the name like our M51, can also be searched through astronomical coordinates or by its name “NGC xxxx” where “x” matches the object number;For coordinates just follow this rule: “ra xx xx xx dec xx xx xx”. Where the word “ra” stands for right ascension and instead of “x” you will enter the coordinates numbers in hours, minutes and seconds in order: “xx (hour) xx (mins) xx (second)”; therefore then follow the abbreviation “dec” which stands for declination and in place of “x” will put the numbers of coordinates in degrees, first and seconds in order: “xx (degrees) xx (first) xx (second)”. To make it easy we search for its name as a Messier object, so M51 as in Figure 1.

Figure 1

2 . Now in the field below (where the reflex camera is drawn) you have to enter the type of camera you are using. Here is the problem, because in the list there are not all the cameras in the world unfortunately, so you have to find one in the list that has the same sensor size as the sensor we use or approaching (just do a little research on google to know the size of the sensor, looking for a camera in the list and compare it to what you have); so according to our example we have a QHY163M that has a sensor size of about 17.7mm x 13.4mm, so we will have to look in the list of cameras what is approaching; for example, in our case the ASI1600MM COOL (sensor size 4: 3 or 17.5mm x 13.0mm) is worthy of being the sister, by sensor size, of our QHY163M, and finally we will choose it. Then also we choose if you check the final image rotation to 90 ° or less (try to see what comes out if checked) as in Figure 2.

Figure 2

3 . At the third point, underneath the camera field, you will find an additional field: “The type of telescope used”. In fact, the most important thing is the focal length of the telescope we use, in our case I will use a Skywatcher 250/1200, where 1200 mm is the total focal length of the telescope (remember to insert the effective focal length, so if you are going to use a focal reducer, you’ll need to include the focal difference from the native one, example: A native 80/500 refractor with a 0.8x reducer will have an actual focal length of 500 × 0.8 = 400 mm in total), which must be placed on the “Override Focal” text field below the list of telescopes; as far as the list of telescopes itself skips as well (leave default the first telescope in the list) because in my opinion there are so few, so it is not advisable to use it and only use the text field of the effective focal length that you can write directly to it by personalizing it. All this as in figure 3.

Figure 3

4 . At this point we select the NASA method with which our image will appear, there are different ones in the two lists, usually using “DSS” in the first list and “Linear” in the second, but sometimes you will also need to use “Logaritmic” in the second list for stand out, for example the nebula, if that is the object you were looking for; anyway I can guarantee that with most of the deep sky objects the “Linear” method is still good. Finally we will click “Search” as in figure 4.

Figure 4

5. Once processed, the object will appear (as you would already see in the camera) with all info (including coordinates). Just click on “Real Size” and you will see the object with the final calculation (as it will be shown in the camera, or its framed field), keep in mind that you will not expect 100% that will be as in the final figure when you are in the true operative field, however, i having made some tests, i assure you it works and that it get off only a little bit. Then you can also download the original “.fit” (given by NASA itself) by clicking on “Download Fit”, just below “Real Size”. All this as in figure 5 and 6.

Figure 5

Figure 6

Here is the “Real Size” of how an example M51 will be on a Skywatcher 250/1200 with the QHY163M (click on the picture to see the result):

M51 (Real Size on QHY163M)Credits: NASA

Finally a note: I wanted to remember that the details are always the same, whether the focal is 500 mm for example, whether it’s 1200; what will change is the “zoom” of the image, as in reality  it is a single big picture of the cube made in panels by the same NASA.

Hope it helps, helped me a lot and I use it often to compare. For more information, please leave a comment or a like or a star rating.

An infinite thank you for reading and see you soon with another blog.


Remember to Live,
Life is Beautiful.
© infinitalavita.com • Cristian Cestaro

DSA – Digital Sky Assist v1.0

Versione Italiana.    ITA | ENG


Se siete, come me, dei astrofotografi vi sareste sempre domandati: ” Come faccio a sapere quanto campo inquadra la mia camera CCD o CMOS secondo la focale del telescopio? “.

Ebbene in internet ci sono vari calcoli molto complessi per avere la risposta alla domanda sopra.

Facendo una ricerca approffondita però in internet sono riuscito a trovare un sito fantastico che ti esegue una prova pratica sul campo inquadrato.

Vi chiederete ora: “Quale sito?” “Come si fa?”

In realtà è molto semplice e con questo blog vi spiego molto brevemente il funzionamento.

DSA - Digital Sky Assist v1.0

Il sito in questione è “ DSA – Digital Sky Assist v1.0 ” e, come da titolo, ti “assisterà” a cercare un oggetto del profondo cielo e calcolerà per voi il campo inquadrato (come risulterà l’oggetto sulla fotocamera).

Ma vediamo passo dopo passo come si usa questa spetacolare “materia prima per astrofili”.

Come titolo d’esempio userò questi dati:

  • Oggetto cercato: Messier 51 , la galassia vortice.
  • Telescopio: Skywatcher 250/1200 ( il dato che ci serve è 1200 mm ovvero la focale);
  • Fotocamera: QHY163M mono (CMOS camera) – Dimensione sensore 17.7mm x 13.4mm (dato che ci servirà).

Di seguito i passi da eseguire:

1 . Collegatevi al sito http://astro.xchris.net/dsa/ , verrà fuori una schermata come l’immagine qui sopra (Immagine) dove  a destra ci saranno scritte le regolette per come usare il sito (in inglese) e a sinistra  dei campi da compilare, dove ora ti dovrai soffermare. Come prima cosa nel campo “Search” inserite il nome dell’oggetto (nel nostro caso m51, poi lasciate di default il resto), in realtà il bello di questo sito che oltre al nome come la nostra M51, la potrete cercare anche tramite coordinate astronomiche oppure con il suo nome “NGC xxxx” dove le “x” corrispondono al numero dell’oggetto; per quanto riguarda le coordinate basta che seguite questa regola: “ra xx xx xx dec xx xx xx “. Dove la sigla “ra” sta per ascensione retta e al posto delle “x” metterete i numeri delle coordinate in ore, minuti e secondi in ordine: “xx (ore) xx (minuti) xx (secondi)”; dunque seguirà poi la sigla “dec” che sta per declinazione e al posto delle “x” metterete i numeri delle coordinate in gradi, primi e secondi in ordine: “xx (gradi) xx (primi) xx (secondi)”. Per renderla facile noi cerchiamo il suo nome come oggetto Messier, quindi M51 come in figura 1.

Figura 1

2 . Ora nel campo subito sotto (dove è disegnata la fotocamera reflex) dovrete inserire il tipo di fotocamera usata. Ecco qui sta il problema, perchè nella lista non ci sono tutte le fotocamere del mondo purtroppo, quindi bisogna trovare una nella lista che abbia la stessa dimensione del sensore che usiamo o che si avvicina (basta fare una piccola ricerca su google per sapere la dimensione del sensore, cercando una camera che è nella lista e confrontarla con quella che avete); dunque secondo il nostro esempio abbiamo una QHY163M che ha una dimensione del sensore di circa 17.7mm x 13.4mm, noi quindi dovremo cercare nella lista delle fotocamere quella che si avvicina; per esempio nel nostro caso la ASI1600MM COOL (dimensione sensore 4:3 ovvero 17.5mm x 13.0mm) è degna di essere la sorella, per dimensione del sensore, della nostra QHY163M, infine la sceglieremo. Dopodichè sceglieremo anche se spuntare la rotazione dell’immagine finale a 90° o meno (provate a vedere che viene fuori se spuntata) come in figura 2.

Figura 2

3 . Al terzo punto, sempre sotto al campo fotocamera, troverete un ulteriore campo: “Il tipo di telescopio usato”. In realtà il dato più importante è la focale del telescopio che usiamo, nel nostro caso userò uno Skywatcher 250/1200, dove 1200 mm è la focale totale del telescopio (ricordo che va inserita la focale effettiva, quindi se userete un riduttore di focale, dovrete inserire la differenza di focale da quella nativa esempio: Un rifrattore 80/500 nativo con un riduttore 0.8x avrà in totale una focale effettiva di 500×0.8= 400 mm), che dovrà essere inserita sul campo di testo “Override Focal” sotto alla lista dei telescopi; Per quanto riguarda la lista dei telescopi stessa saltatela pure (lasciate di default il primo telescopio della lista) perchè secondo me ce ne sono ben pochi quindi sconsiglio di usarla e usufruire solo del campo di testo della lunghezza focale effettiva che la potrete scrivere direttamente voi personalizzandola. Tutto questo come in figura 3.

Figura 3

4 . A questo punto selezioniamo il metodo NASA con il quale risulterà la nostra immagine, ce ne sono diversi nelle due liste, di solito uso “DSS” nella prima lista e “Linear” nella seconda, ma a volte dovrete usere anche “Logaritmic” nella seconda lista per fa risaltare per esempio la nebulosa, se è quello l’oggetto che stavate cercando; ad ogni modo posso garantire che con la maggior parte degli oggetti del profondo cielo il metodo “Linear” risulta comunque buono. Alla fine cliccheremo “Search” come in figura 4.

Figura 4

5. Una volta processato, vi risulterà l’oggetto (già come si vedrebbe nella camera) con tutte le info (anche le coordinate). Qui basterà cliccare su “Real Size” e vi apparirà l’oggetto con il calcolo finale (come verrà rappresentato nella fotocamera, ovvero il suo campo inquadrato), tenete presente di non aspettarvi al 100% che risulterà come nella figura finale quando sarete nel campo vero proprio, però, avendo fatto delle prove, vi assicuro che funziona e che si scosta di poco. Poi potete anche scaricare il “.fit” originario (datoci dalla NASA stessa) cliccando su “Download Fit“, proprio sotto a “Real Size“. Tutto questo come in figura 5 e 6.

Figura 5

Figura 6

Ecco il “Real Size” di come risulterà M51 d’esempio su un Skywatcher 250/1200 con la QHY163M (cliccate sulla foto per vedere il risultato):

M51 (Real Size on QHY163M)Credits: NASA

Per finire un accorgimento: Volevo ricordare che i dettagli rimangono sempre gli stessi, sia che la focale è 500 mm per esempio, sia se è 1200; quello che cambierà è lo “zoom” dell’immagine, poichè in realtà è un unica grande foto dell’astro realizzata in pannelli dalla stessa NASA.

Spero vi sia di aiuto, a me ha aiutato moltissimo e lo uso spesso per confrontare. Per qualsiasi informazione in più lasciate pure un commento oppure un like oppure ancora un voto con le stelline.

Grazie infinite per la lettura e a presto con un altro blog.


Ricorda di Vivere,
La Vita è Bella.
© infinitalavita.com • Cristian Cestaro

 

How i capture Sun

English Version.    ITA | ENG


Sun (AR 2651)Hello to all,

Today i would like to show  you a mini tutorial of how i photograph the Sun, our main star; so step by step I will show you my techniques. Hopefully it will be useful to you.

First of all, the instrumentation that serves the purpose.

Note: Some instruments are not suitable for the Sun, like my telescope, however, they still work if we want to frame all the sun in high resolution.

You need:

  • A telescope, if your focal length is short you must use a barlow 2x lens for reach the 1000 mm (focal length) or more close about this number (usually i use APO 80/500 + Skywatcher APO barlow 2x – 2″), if your focal length is long you don’t need the barlow lens.
  • A finder scope
  • A motorized mount with keyboard for control the mount (usually i use an Newtonian EQ6 Pro, equatorial mount with Weights)
  • A reflex camera (usually i use Canon 550D) + remote control (for shot in remote).
  • Filters for the Sun (i usually use Baader Astro solar filters) to be applied at the end of the telescope and also at the end of the finder scope.
    WARNING: Do not remove the filters, you can burn the sensor or also your eyes! Pay attection!

Please note: I will only show you with my instrumentation.

First part: practice.

  1. Place the mount with the telescope in a zone where you can see a good part of the sky.
  2. The mount must be leveled in bubble with the ground.
  3. Power on the mount, and with keyboard choose “setup mode>tracking> (i use sideral tracking)” and find the position of Polar star in the sky and then do the polar allignment with polar scope (make an big approximation), if you use N-EQ6 mount.
  4. Place the filters at the end of telescope and at the end of finder scope (as well and pay attection to wind, it must be stopped and well covered).
  5. Place the reflex camera (DSLR) into focuser “DSLR>T2 ring> 2″ adapter nose>focuser” (i repeat, if you use short focal lenght like 500 mm you must use a 2x barlow lens to reach 1000 mm so “DSLR>T2 ring> 2″ adapter nose>barlow 2x>focuser”).
  6. With finder scope find the Sun (always with FILTERS!), then stops with the knobs the position; with keyboard adjust the posistion on “live view” of the DSLR, place Sun about the center of “live view” screen of the camera (still not focused), then with focus knobs adjust the focus while also adjust the ISO and exposure (usually i do a zoom 10x in sunspot to focus the Sun, so you will have a right precision; with ISO 100 and 1/500s of exposure) and stop the focus knobs.
  7. When you are in focus and the Sun is placed at the center of “live view” screen in the DSLR, you can start to make right ISO and exposure (i repeat that i usually use ISO 100 and 1/500s but it depends of the telescope or barlow that you use).
  8. With remote control, you start to shot a several photos in sequence (click  several time the botton in your remote control to shot multiple times).
    Please note: Every photo must be shoted in RAW mode and not in “.jpg”. Usually i shot about 60 photos (you shot more photo you can and pay attection to camera memory) of the Sun (not problem if the Sun moves, but you need that the Sun result always in its full disk, in “live view” screen and not outside of “live view screen”).

Finished practice part.

Second part: Post Production.

When you have all photos captured of Sun into pc, you can start to elaborate them

1) You must convert all .CR2 files so you open Photoshop and then drop all files in it. It will immediately open “Camera Raw”, then just  click “1. Select all” (see picture 1 how to select all images) and clcik “2. Save image” .

Pic 1Picture 1

2) It will open another window to save all file and set like in picture 2. Then you must wait for the end of operation.

Pic 2Picture 2

Now all your files are converted into “.jpg” and ready to elaborate with Registax sofware, so open it.

1)  Go to “Select” and click it, then it will open a new window where you can find all your “.jpg” files (mainly Registax put .avi but you can choose: find .jpg). See picture 3.

Pic 3Picture 3

2) Then just see picture 4, how to set first operations.

Pic 4Picture 4

3) Once you have set the alignment points, you can click on “align” botton and wait for the end of operation, see picture 5.

Pic 5Picture 5

4) At the end of align operation, you can limit your range of frame by using the frame bar selection like at begining (Registax put the 30% best frames first in frame bar and you can choose to limit range of you best frames), once done click on “Limit” botton. See picture 6.

Pic 6Picture 6

5) Then clcik “Stack” (leave setting as default), see picture 7.

Pic 7Picture 7

6) At the end you are in “Wavelet” window where you can pull out the details, by using layers but you can use also other beautiful features like histogram and RGB Balance. See picture 8.

Pic 8Picture 8

Once all is done, save the image in “.tiff” and you can process it a bit more with Photoshop.

The End.
Thank you for reading, i hope you enjoyed it.


Remember to Live,
Life is Beautiful.
© infinitalavita.com • Cristian Cestaro

 

Come fotografo il Sole

Versione Italiana.    ITA | ENG


Sun (AR 2651)Ciao a tutti,

Oggi volevo mostrarvi un mini tutorial su come fotografo il Sole, la nostra stella principale; quindi passo dopo passo ti mostrerò appunto le mie tecniche. Spero che ti sia utile.

Innanzitutto, la strumentazione che ti serve.

Nota: Alcune strumentazioni non sono adatte per il Sole, tipo il mio telescopio, comunque, funzionano bene solo fotografando il Sole per intero in alta risoluzione.

Hai bisogno di:

  • Un telescopio, se la tua lunghezza focale è corta devi usare una lente Barlow 2x per raggiungere 1000 mm (lunghezza focale) o vicino a questo numero (di solito uso un APO 80/500 + barlow 2x da 2″ della Skywatcher anch’essa APO), se invece la lunghezza focale è lunga allora non ne hai bisogno.
  • Un cercatore
  • Una montatura motorizzata con la tastiera per controllarla (di solito uso un Newtoniano EQ6 Pro, montatura equatoriale con i pesi)
  • Una camera reflex (di solito uso la Canon 550D) + telecomando (per scattare in remoto).
  • Filtri per il Sole (di solito uso i filtri Baader Astro solar) applicati alla fine del telescopio e alla fine del cercatore. Attenzione: Non rimuovere i filtri, potresti bruciare il sensore o anche i tuoi occhi! Presta attenzione!

Nota bene: Ti mostrerò solo con la mia strumentazione.

Prima parte: Pratica.

  1. Posiziona la montatura con il telescopio in una zona dove riesci a vedere buona parte del cielo.
  2. La montatura deve essere in bolla con il terreno.
  3. Accendi la montatura, e con la tastiera scegli “setup mode>tracking> (di solito uso sideral tracking)” e trova la posizione della stella Polare nel cielo e poi fai l’allineamento polare con il telescopio polare (fai una grossolana approssimazione), se usi la montatura N-EQ6.
  4. Posiziona i filtri alla fine del telescopio e alla fine del cercatore (messi bene e presta attenzione al vento, devono essere immobili e bene coperti).
  5. Posiziona la camera reflex (DSLR) nel focheggiatore “DSLR>anello T2> naso adattatore 2″>focheggiatore” (ripeto,se tu usi una focale corta come 500 mm devi usare una lente barlow 2x per raggiungere i 1000 mm quindi “DSLR>anello T2> naso adattatore 2″>barlow 2x>focheggiatore”).
  6. Con il cercatore trova il Sole (sempre con i  FILTRI!), poi ferma, con le manopole, la posizione; con la tastiera invece aggiusta la posizione del Sole nella “live view” della DSLR, il Sole deve essere al centro del schermo “live view”della camera (non ancora a fuoco), dopodichè con le manopole per mettere a fuoco aggiusta  lo stesso ed anche la sensibilità ISO e l’esposizione (di solito faccio lo zoom 10x nella macchia solare per mettere a fuoco il Sole, così avrai una giusta precisione; con ISO 100 e 1/500s di esposizione) e ferma il fuoco con la vite.
  7. Quando il Sole è dunque a fuoco e posizionato al centro del schermo della “live view” nella DSLR, puoi iniziare a mettere la giusta esposizione e ISO (ripeto che uso di solito  ISO 100 e 1/500s ma dipende dal telescopio e dalla barlow che usi).
  8. Con il telecomando per scattare in remoto, comincià a scattare parecchie foto in sequenza (clicca molte volte il bottone nel tuo telecomando per scattare multiplo). Nota bene: Ogni foto deve essere catturata in modalità RAW  e non in “.jpg”. Di solito scatto 60 foto (fotografa più volte che puoi e presta attenzione alla memoria della camera) al Sole (non è un problema se il Sole si muove, però hai bisogno che il Sole risulti sempre nel suo disco pieno, nello schermo “live view”  e non al di fuori di esso).

Finita la parte pratica.

Seconda parte: Post Produzione.

Quando avrai tutte le foto catturate del Sole nel pc, puoi cominciare ad elaborarle.

1) Devi convertire tutti i .CR2 file, quindi apri Photoshop e poi seleziona ed inserisci tutti i file grezzi. Si aprirà subito “Camera Raw”, poi basta che clicchi su “1. Seleziona tutto” (guarda la figura 1 come selezionare tutto) e poi clicca su “2. Salva immagine”.

Fig 1Figura 1

2) Si aprirà un’altra finestra per salvare tutti i file e setta come in  figura 2. Poi dovrai attendere la fine delle operazioni.

Fig 2Figura 2

Ora tutti i tuoi file saranno convertiti in “.jpg” e pronti per essere elaborati con il software Registax, quindi aprilo.

1) Vai su “Select” e cliccalo, poi si aprirà una nuova finestra dove puoi trovare i tuoi file “.jpg” (generalmente Registax mette .avi ma tu puoi scegliere: trova .jpg) Guarda figura 3.

Fig 3Figura 3

2) Poi basta che guardi la figura 4, come settare le prime operazioni.

Fig 4Figura 4

3) Quando avrai settato gli align points , puoi cliccare sul bottone “align” e attendi la fine della operazione, guarda figura 5.

Fig 5Figura 5

4) Alla fine dell’operazione, puoi limitare a i tuoi frame immagine usando la barra di selezione frame come all’inizio (Registax mette il 30% delle migliori frames all’inizio nella barra di selezione frame, e tu puoi limitare ancora di più il range delle migliori frame), una volta fatto clicca sul bottone “Limit”. Guarda figura 6.

Fig 6Figura 6

5) Poi clicca su “Stack” (lascia il setting come default), guarda figura 7.

Fig 7Figura 7

6) Alla fine sarai sulla finestra “Wavelet” dove puoi tirare fuori i dettagli, usando i layers ma tu puoi usare anche altre belle opzioni come Histogram e RGB Balance. Guarda figura 8.

Fig 8Figura 8

Una volta finito il tutto, salva l’immagine in “.tiff” così potrai aggiustare un po di più la tua immagine finale con Photoshop.

Fine.
Grazie per la lettura, spero ti sia piaciuta.


Ricorda di Vivere,
La Vita è Bella.
© infinitalavita.com • Cristian Cestaro